Calcio

Serie C/girone C: rewind 19^ giornata

Nella giornata che sancisce il termine del girone di andata, soltanto il Catania regge il passo del capolista Lecce. Gli etnei replicano alla vittoria dei salentini nel derby e mantengono invariato il distacco. Il Trapani si fa uccellare in casa dal Cosenza e si allontana dalla vetta (Mendicino e Idda per i calabresi, con nel mezzo il provvisorio pareggio su rigore di Reginaldo). Come accennato, i giallorossi fanno proprio il derby pugliese. Un gol per tempo e i tre punti sono garantiti, malgrado una condotta di gara non certo eccellente. Liverani e soci si godono la leadership invernale sugli etnei, grazie alle reti di Cosenza e Caturano. I rossazzurri si sbarazzano facilmente del Rende sul terreno del “Lorenzon” con un doppio Ripa, oltre a Curiale. Solo un pareggio nel derby della Sicilia Ionica tra la Sicula Leonzio e il Siracusa. Chi, invece, cerca di riaffacciarsi nelle zone nobili della classifica è la Juve Stabia. La squadra del duo Ferrara-Caserta riesce a prevalere in rimonta sulla Reggina nell’anticipo del venerdì. Anche il Catania di mister Auteri si riprende la gloria che il suo potenziale ha sempre rivendicato, battendo di misura (rete su rigore di Strambelli) la Casertana. Il Francavilla fa suo lo scontro tutto pugliese sulla Fidelis Andria. Ancora un ennesima rimonta – stavolta in favore dei messapici – per un’importante vittoria che proietta la formazione allenata da Gaetano D’Agostino in una posizione di assoluto rilievo in chiave playoff. Catanzaro e Paganese si spartiscono la posta in palio. Mentre, il Racing Fondi espugna il “Gustavo Ventura” di Bisceglie rimettendo in forte dubbio la permanenza di Zavettieri sulla panchina degli adriatici. Il tecnico calabrese aveva manifestato qualche apparente segnale di resa già qualche settimana fa. Oltre alla sua, già altre panchine restano fortemente in bilico.

DIAMO UN PO’ DI NUMERI

66, come il numero abbinato al “angolo retto” nel libro della Smorfia. Gli angoli, anzi i calci d’angolo, stanno diventando sempre più una croce per il Monopoli. Per la serie: le sventure prima o poi dovranno pur finire, nel libro della Smorfia il numero 66 è legato anche alle preoccupazioni che terminano. Che sia finalmente la volta buona.

31, come il dato relativo alla squadra avente la peggior difesa in assoluto: l’Akragas. A parziale consolazione, il Prato nel girone A (-33) e il Santarcangelo nel girone B (-36) hanno fatto di peggio.

28, come la data di ottobre nella cui si registrò l’ultimo sorriso del gabbiano, quando uscì vittorioso dal terreno del “Torre” di Pagani. Da allora soltanto amarezze in casa biancoverde.

25, come i venticinque punti totalizzati nell’arco di tutti gli impegni casalinghi del capolista Lecce. Venticinque punti sul potenziale di 27 è un record non di poco conto.

19, come le realizzazioni complessive in quest’ultima giornata del girone d’andata.

15, come le reti subite in campionato dal Monopoli. Malgrado il dato numerico non sia altisonante, non garantisce ai biancoverdi di godere di una classifica più rosea. Questo, a riprova che, se non si inizierà a invertire lal rotta (segnano – quando segnano – quasi sempre giocatori offensivi), si potrà ambire solo a una dignitosa salvezza.

12, come le dodici vittorie complessive in campionato, totalizzate dal capolista Lecce, nonché dal vice-capolista Catania.

12, come anche il numero di sconfitte totalizzate in stagione dall’Akragas. La squadra della Valle dei Templi è quella maggiormente battuta.

11, come ancora una volta un dato abbinato all’Akragas. I siciliani posseggono il peggior attacco del girone C con undici reti all’attivo.

10, come il record di pareggi nell’arco dell’intero torneo messi insieme dalla Fidelis Andria. Il Catania, invece, ne ha totalizzati meno, appena due.

9, come i nove goal totalizzati dal nuovo capocannoniere del raggruppamento, il francavillese Saraniti autore ieri di una doppietta.

7, come le sette vittorie nella giornata. Tre delle quali sono state messe a segno da squadre impegnate fuori casa.

2, come le “doppiette”. Nel diciannovesimo appuntamento stagionale ne sono state siglate due: dal catanese Ripa, e dal francavillese Saraniti.

1, come il dato relativo alle sconfitte totalizzate in campionato dal Lecce. I salentini sono attualmente la squadra meno battuta. Neanche il Livorno nel girone A ha fatto di meglio. Anzi, i labronici eguagliano i giallorossi con un solo stop stagionale.

1, come il punto (soltanto uno) guadagnato dal Monopoli nelle ultime sette giornate. Media imbarazzante di 1 punto su 21.

Riepilogo risultati

Bisceglie-Racing Fondi 0-2, Catanzaro-Paganese 1-1, Juve Stabia-Reggina 2-1, Lecce-Monopoli 2-0, Matera-Casertana 1-0, Rende-Catania 0-3, Sicula Leonzio-Siracusa 0-0, Trapani-Cosenza 1-2, Virtus Francavilla-Fidelis Andria 2-1. Ha riposato: Akragas.

La classifica

LECCE 41; CATANIA 38; TRAPANI 35; SIRACUSA 31; VIRTUS FRANCAVILLA 28; MATERA 27; CATANZARO, JUVE STABIA e RENDE 25; BISCEGLIE, COSENZA e MONOPOLI 23; RACING FONDI 21; SICULA LEONZIO 19; REGGINA 18; PAGANESE 16; CASERTANA e FIDELIS ANDRIA 15; AKRAGAS 9. / Penalizzazioni: Akragas -3, Matera -2, Fidelis Andria -1.

Speciale marcatori                                                             

9 reti: Saraniti (VFR/1 rig); 8 reti: Curiale (CAT); 7 reti: Alfageme (CAS), Curiale (CAT), Di Piazza (LEC), Genchi (MON/2 rig); 6 reti: Caturano (LEC/ 1 rig), Cesaretti (PAG), Scaringella (AND); 5 reti: Bianchimano (REG), Catania (SIR/2 rig), Giovinco (MAT/2 rig), Jovanovic (BIS/2 rig), Murano (TRA/1 rig), Paponi (JST/1 rig), Reginaldo (TRA), Scarpa (PAG/3 rig). Altri marcatori/MONOPOLI: Paolucci e Sarao 3 reti; Mercadante e Sounas 2 reti; Scoppa 1 rete.

La prossima (1^ giornata di ritorno)

Akragas-Matera (venerdì 22 dic. ore 16:30) – Juve Stabia-Fidelis Andria (sabato 23 dic. ore 14:30), Reggina-Rende (23 dic. ore 14:30); Bisceglie-Paganese (23 dic. ore 16:30), Casertana-Catanzaro (23 dic. ore 16:30), Cosenza-Monopoli (23 dic. ore 16:30), Racing Fondi-Catania (23 dic. ore 16:30); Lecce-Virtus Francavilla (23 dic. ore 20:30), Siracusa-Trapani (23 dic. ore 20:30). Riposa: Sicula Leonzio.

Commenti

Sport361, lo sport a 360 gradi + 1. E' un canale di Lifestyleblog.it

Privacy Policy

Privacy Policy

Facebook

To Top