Calcio

Paganese-Monopoli 0-1: le pagelle

Trasferta tutt’altro che facile. Contro una Paganese già con l’acqua alla gola per via di una classifica sempre più precaria, non poteva che essere una battaglia all’ultimo respiro sul terreno del “Marcello Torre”. Il Gabbiano, prima presta il fianco ai Liguorini rischiando con qualche occasione da rete di troppo (sfiora in alcune occasioni il vantaggio), e finisce, però, per trovare ugualmente la stoccata vincente.

MONOPOLI:

Bardini 6.5 Cesaretti decide di graziarlo mandando il cuoio a stamparsi sulla traversa, nell’unico vero brivido corso lungo la schiena. Per il resto ha sempre dato l’impressione di leggere benone ogni situazione. Non deve aver strillato poco all’indirizzo dei compagni di squadra, quando l’avversario stava pian piano spingendo in fase offensiva.

Bei 7.5. Cresce partita dopo partita. Uomo ovunque. Non ha ancora allungato il suo impegno col club adriatico, forse per via di determinate sirene? Really a giant; chiedere info a Regolanti, Cesaretti & co.

Ricci 6 La fase difensiva non vive momenti propriamente idilliaci: per via di qualche falla li nel mezzo che poteva dare il là a stoccate avversarie. Ha stretto i denti da vero capitano.

Mercadante 6.5 Così-così da difensore di centro-sinistra. Va meglio quando, all’ingresso di Ferrara, agisce da fluidificate puro. Suo l’ultimo tocco prima della spaccata vincente di Paolucci.

Longo 6 Obbligato più a concentrarsi sulla fase difensiva, per via delle diverse scorribande avversarie.

Scoppa 6.5 Entra nell’azione del gol-partita, quando serve Mercadante nel penultimo tocco che poi fa scoccare la rete del vantaggio quasi alla mezzora del 2’ tempo. Molto mestiere e molta intensità anche quando c’era da rallentare le giocate avversarie.

Zibert 6 Lodevole l’apporto della mezzala slovena. Sappiamo che non ha ancora il ritmo partita; per cui è bene avergli concesso un maggior minutaggio.

Sounas 7 La corazza di un hoplites non sembra pesargli sulle spalle. Abile anche a scodellare assist al bacio e, a rintuzzare all’occorrenza le velleità avversarie. Πολεμιστής.

Donnarumma 6.5 Sbarazzino e pungente nelle ripartenze. E’ uscito per via di un affaticamento. Fortuna che Mercadante ne prende appieno le redini dal 60’ in poi.

Genchi 6 Manca l’appuntamento con la rete davvero per un niente, specie quando con un tiro al volo sfiora il palo.

Sarao 6.5 Partita di sacrificio passata a fare a sportellate col difensore di turno. Abile anche a rintuzzare quando c’era da difendere.

Paolucci 6.5 Seconda perla di campionato, e secondo gol dal peso specifico inestimabile. Entra quasi a freddo, ma la zampata è quella che vale il biglietto dello stadio ..la classe n’est pas l’eau.

Rota 6.5 Parte dal 1’ della ripresa, e parte col piglio di chi vorrebbe fare da miccia incandescente alle mine vaganti biancoverdi. La sua verve influisce sul risultato finale.

Ferrara 6 Entra all’ora esatta di gioco per permettere di rivedere un po’ l’assetto tattico, e consentire a Mercadante di agire da fluidificante. Ci mette letteralmente la faccia su una punizione di Carcione.   

Zampa 6 Non parte dall’inizio come era intuibile alla vigilia. Non c’è problema se la giusta causa ha i colori bianco-verdi.

Russo SV Cinque minuti finali, e una conclusione velenosa parata da Gomis.

Mister Tangorra 6.5 Modulo che ti mantiene ancorato in seconda posizione (evidentemente) non si cambia. Piuttosto, oltre al modulo, è soprattutto il troppo attendismo che ha fatto storcere un tantino il naso ai perbenisti del calcio nostrano. La sua squadra è sì votata al sacrificio. Ma, quanto ancora deve attendere e rischiare prima di colpire velenosamente come farebbe il più spietato scorpione? Anche perché, detto tra noi, non tutte le avversarie potranno chiamarsi Fondi o Paganese (le due trasferte hanno finito per somigliarsi davvero parecchio). Aspettiamo, adesso, il rientro di altri effettivi fermi ai box negli ultimi tempi. Con il loro inserimento si proverà a far di meglio.

PAGANESE: Gomis 6; Picone 6, Meroni 5.5, Piana 6, Della Corte 6; Carcione 6.5 (82’ Negro SV), Tascone 6 (72’ Bensaja 6), Scarpa 6; Talamo 6 (63’ Baccolo 6), Regolanti 5.5, Cesaretti 6. Mister Favo 6 Decide solo all’ultimo momento di tornare al 4-3-3. Avvio di gara promettente e, sostanziale prima frazione di gioco energica dei suoi. Non particolarmente fortunato perché, i suoi non finalizzano per quanto riescono a costruire. Difficile capire del perché di Bensaja in campo soltanto a partire dal 27’ della ripresa.

Commenti

Sport361, lo sport a 360 gradi + 1. E' un canale di Lifestyleblog.it

Privacy Policy

Privacy Policy

Facebook

To Top