Calcio

Serie C-girone C: gli “up and down” della 10^ giornata

– E’ di diciotto reti complessive il dato parziale del 10.mo appuntamento stagionale in Serie C. In attesa del posticipo serale del lunedì tra Trapani e Catanzaro, il weekend ha fatto registrare l’imprevisto scivolone interno del Catania che si è fatto superare nel derby contro la matricola Sicula Leonzio. Tra le sorprese, questa del ‘Massimino’ è sicuramente quella meno preventivabile –

Chi su – LECCE: i salentini espugnano il difficile fortino materano del ‘F. Salerno’ vanificando una striscia positiva della squadra del patron Columella che durava da 4 vittorie consecutive. I giallorossi beneficiano anche della sconfitta dei catanesi, oltre che del pareggio interno dei monopolitani. JUVE STABIA: le Vespe incominciano a ‘ronzare’ con sempre maggiore frequenza. I ragazzi del duo Ferrara-Caserta tornano dalla trasferta siciliana con l’intero malloppo. RACING FONDI: e sì, è proprio tutto vero. La formazione laziale pare aver svoltato definitivamente, ritrovando quel feeling con le belle prestazione che l’aveva caratterizzata durante quasi tutta la stagione passata. SICULA LEONZIO: menzione con pieno diritto per la matricola terribile di Lentini. I bianconeri mettono a segno uno storico successo in un derby contro una tra le maggiori pretendenti al salto di categoria. SIRACUSA: torna con merito nei quartieri altissimi della graduatoria il club aretuseo. L’aver acciuffato l’intera posta in palio su un terreno storicamente ostico, come quello del ‘Pinto’, ne è a riprova del buon lavoro svolto sin’ora dalla società, nonché dalla staff tecnico.

Chi giù – CATANIA: e non poteva essere diversamente. Bene farebbero gli etnei allenati da Cristiano Lucarelli a immergersi in un bagno d’umiltà. Con l’organico a disposizione, e con il sostegno del numeroso pubblico di casa non dovrebbe essere un’impresa riprendere il feeling con i risultati positivi. FIDELIS ANDRIA: tanto tuonò che piovve, anzi grandinò. Non soltanto l’etichetta della squadra che non sa trovare la via della rete, se non attraverso un esercizio molto dispendioso di energie, ma ora anche l’ennesimo stop – il secondo consecutivo – che minerebbe in via teorica – gli equilibri sulla panchina federiciana. Ma, per tutta risposta, patron Montemurro non la pensa in questa maniera. Per cui, Valeriano Loseto resta al momento al suo posto. CASERTANA: non era stato per colpa della sfortuna che i rossoblu continuavano ad arrancare in una posizione di classifica paludosa. Arriva anche il secondo stop consecutivo a mo’ di campanello d’allarme. Se non si cambia frettolosamente registro si rischia di venir impelagati cronicamente in una situazione particolarmente scomoda. AKRAGAS: a chiudere il novero dei club posti dietro alla fatidica lavagna il Gigante della Valle dei Templi. Per i biancazzurri arriva anche il quinto stop stagionale in campionato. Ed ora la classifica inizia davvero a farsi spigolosa.

Commenti

Sport361, lo sport a 360 gradi + 1. E' un canale di Lifestyleblog.it

Privacy Policy

Privacy Policy

Facebook

To Top