Calcio

Monopoli-Siracusa 1-1/le pagelle

– Bei, Donnarumma e Paolucci su tutti. Gli ospiti acciuffano la sufficienza collettiva per aver disputato una discreta ripresa –

A fine partita c’è uno strano retrogusto amaro, che ammonisce per aver mancato una ghiotta occasione per tornare al successo. Gli ospiti meritano – molto in parte – il pareggio per averci creduto fino alla fine. Ma, che ai punti avrebbe tranquillamente potuto lasciare l’intera posta in palio al Gabbiano. Il calcio è anche questo.

MONOPOLI

Bardini 6 Non particolarmente impegnato. Nel primo tempo avrebbe finanche il tempo per fare un salto al bar. Nella ripresa ci mette i guantoni, ma senza farsi procurare particolari brividi lungo la schiena.

Bei 7 Lotta come un leone su ogni pallone e su ogni intenzione velleitaria degli ospiti. Peccato davvero per il risultato finale; la vittoria l’avrebbe meritato davvero.

Ricci 6 Qualche apprensione di troppo durante la ripresa. Per il resto normale amministrazione.

Ferrara 6 Sarebbe ingeneroso concentrare la sua prestazione citando soprattutto il (presunto) fallo su Palermo, che scaturisce il penalty per gli ospiti. Tolto quest’episodio – ..e come fare? – la sua è stata una prestazione dignitosa.

Rota 6 Solito motorino perpetuo. Non lucidissimo nelle ripartenze, specie nel secondo tempo.

Scoppa 6 Una gara sostanziosa, che non ha conosciuto il lieto fine. Centrocampo normodotato, anche perché dall’altra parte ben pochi avevano i crismi per giganteggiare.

Zampa 6.5 Lotta senza saltare nemmeno una sola zolla del campo. La beffa del rigore nel finale non gli rende giustizia. Avrebbe meritato di tornare alla vittoria.

Sounas 6.5 Suo il perfetto assist per Paolucci in occasione del meritato vantaggio. Ci mette la faccia e la firma in diverse altre azioni.

Donnarumma 7 Sta via-via ritagliandosi lo spazio che merita. La sua è stata una partita tutta sostanza. Riesce (finalmente) a scodellare molti più palloni in fase offensiva. Devia in angolo una pericolosa conclusione di Scardina destinata a rete.

Paolucci 7 Il suo primo gol in campionato in maglia biancoverde è una perla di rara bellezza. Il sospetto di un rigore non ravvisato, quando Parisi gli sporca uno scarpino, e un gol annullano per fuorigioco. Siamo appena all’inizio.

Genchi 6 Non molto appariscente. Il capocannoniere del girone, ora, conosce la concorrenza di colleghi avversari che lo affiancano al comando della speciale classifica. Non la sua più brillante giornata.

Zibert 5.5 Entra al 78’ per far rifiatare capitan Paolucci. Ma, non è utile alla causa per tentare di tenere altra la squadra. Solo il tempo ci dirà se lo sloveno è quello che abbiamo conosciuto e ammirato quando indossava altre casacche. Non ha ancora il ritmo giusto. Aspettiamolo.

Ricucci ng Entra per i restanti cinque minuti di partita.

Longo ng Stesso minutaggio di Simone. Non poteva, ormai, far nulla per cambiare il destino della gara, a quel punto già segnata.

Mister Tangorra 6.5 Pesano le tante assenze. Pesano, soprattutto perché una volta uscito dal campo Paolucci (non ha ancora il carburante necessario per tutti i 90 e passa minuti di gioco), non si può permettere di inserire un’altra punta di ruolo – Cappiello, Sarao e Sounas sono indisponibili, Di Cosola è ancora troppo poco svezzato. Non ci sentiamo di gettargli la croce addosso per la sostituzione fatta appena 3 minuti prima della doccia gelata del pareggio: Zibert è centrocampista che ben si adatta nelle fasi offensive; ma, probabilmente uno tra quelli meno in forma, purtroppo.

SIRACUSA: Tomei 6; Parisi 6 (71’ Daffara 6), Magnani 6, Turati 6, Liotti 6; Spinelli 6, Toscano 5.5; Sandomenico 5.5 (1’ st Mancino 6) , Catania 6.5 (85’ Giordano sv), Mazzocchi 5.5 (1’st Martinez 6); Scardina 5.5 (82’ Bernardo ng). Mister Bianco 6 Ha il demerito di aver regalato – praticamente per intero – la prima frazione di gioco agli avversari. Dispone di una squadra sorniona, composta per lo più da elementi di comprovata esperienza. Rischia di incorrere in un errore tecnico, quando effettua le 5 sostituzioni, ma in quattro periodi distinti e non in tre come da regolamento. Ma, i primi due cambi contemporanei li effettua – di fatto – durante l’intervallo. Cervellotica è l’interpretazione; resta il dubbio. Ci viene incontro il buon Angelo Cipulli che, sulla carta è semplicemente il Segretario Generale del Monopoli 1966, ma che è uno tra i più competenti in fatto di regolamento e di beghe legate alla burocrazia. Grazie, comunque Angelo, per averci tolto il dubbio.

Commenti

Sport361, lo sport a 360 gradi + 1. E' un canale di Lifestyleblog.it

Privacy Policy

Privacy Policy

Facebook

To Top