Calcio

Monopoli-Siracusa 1-1: al gol di Paolucci, gli risponde Catania dal dischetto

Un tempo per parte, ed una rete a testa. Il Gabbiano non riesce a tornare alla vittoria e subisce la beffa di un pareggio dagli undici metri, dopo aver assaporato il gusto del successo, che sino a quell’istante pareva piuttosto meritato. Non è bastato aver giocato un tempo – il primo – ad una sola porta, quella difesa dagli ospiti. Il Siracusa, senza aver strafatto, ha finito per portarsi a casa un punto (primo pareggio ottenuto in trasferta dagli aretusei), per averci creduto fino alla fine, in buona sostanza, soprattutto per il cambio di ritmo operato durante la ripresa.

Fasi salienti/1’ tempo

Al 5’, non ci sono maglie biancoverdi pronte a intercettare una sfera susseguente a una punizione battuta da Sounas. Al 6’, ancora Sounas, il quale spedisce di poco fuori una conclusione scagliata appena entro area. Al 20’, Sandomenico per gli ospiti su calcio di punizione dai trenta metri, ma senza seguito. Al minuto 21’, Donnarumma taglia in area una palla invitante dall’out di sinistra, ma non arriva nessun compagno di squadra alla deviazione. Al 23’, il Monopoli reclama un calcio di rigore per un presunto fallo di Parisi da dietro su Paolucci. Un giro di lancette dopo, rete annullata a Paolucci per un fuorigioco millimetrico. Al 32’, punizione per il Siracusa con Liotti dalla sinistra, ma la sfera non innesca compagni di squadra. Al 41’, Sounas serve Paolucci al limite dell’area, questi si porta la palla sul destro e, con un tocco a giro, accarezzando il palo sulla sinistra dell’estremo ospite, facendo terminare la sfera in rete; 1-0 Monopoli. Al 45’, risposta degli ospiti con una punizione calciata dalla distanza da Sandomenico, con la palla che terminava di non molto al lato; ma, con Bardini che dava l’impressione di aver seguito attentamente la traiettoria. E, proprio entro l’unico minuto di recupero, Genchi serviva una palla invitante a Paolucci, con l’estremo aretuseo che lo anticipa, facilitato anche da un rimpallo.

Fasi salienti/ 2’ tempo

Gli ospiti operavano le prime due sostituzioni: dentro Martinez e Mancino, fuori Mazzocchi e Sandomenico. Al 4’, il dinamico Donnarumma, sfondava dall’out mancino ma finiva per allungarsi troppo la palla una volta entrato in area. A 6’, ancora Donnarumma che concludeva con un buon tiro, ma con la palla che trovvaa una deviazione di un difensore siciliano; sull’azione susseguente, Paolucci si produceva in una semi-rovesciata, ma l’arbitro ravvisava un gioco pericoloso. Al 9’, palla vagante in area monopolitana, con Scardina che la spediva verso porta, Bardini intercettava senza grossi patemi d’animo. Al minuto 15’, Donnarumma si frapponeva su una pericolosa deviazione di Scardina, spedendo la palla in corner. Al 16’, sugli sviluppo del corner, Magnani provava con una semi-girata in area un po’ scomposta, mandando la palla fuori. Il Monopoli provava a rallentare il gioco per spegnere le velleità degli ospiti. Al 33’, usciva Paolucci per far posto a Zibert: la sostituzione veniva tramutata come un segnale che galvanizzava l’allenatore ospite, il quale chiedeva ai suoi gli ultimi forcing per provare a pareggiare le sorti. Ed infatti, al 36’, un presunto fallo da dietro di Ferrara su Martinez metteva in condizioni l’arbitro di fischiare un penalty per il Siracusa. Dal dischetto se ne incaricava Catania che non falliva, spiazzando l’estremo biancoverde; 1-1. Di fatto, la contesa si spegneva qui insieme ai titoli di coda. Il pareggio, maturato in questo modo, suonava come una doccia scozzese. Tutti negli spogliatoi. Sabato prossimo trasferta dei biancoverdi in quel di Caserta. Obiettivo primario sarà quello di provare a ritrovare la strada della vittoria, smarrita dal match interno col Matera. L’obiettivo playoff con una più che buona classifica è lì a portata di mano, ma ci vorrà un altro atteggiamento, in virtù anche dell’emergenza dovuta alle tante assenze.

Tabellino

MONOPOLI-SIRACUSA 1-1 (pt 1-0) – Reti: al 41’ Paolucci (MO); al 82’ Catania (SR) su rigore.

MONOPOLI (3-5-2): Bardini; Bei, Ricci, Ferrara; Rota, Scoppa, Sounas (87’ Longo), Zampa (87’ Ricucci), Donnarumma; Genchi, Paolucci (78’ Zibert). A disposizione-non entrati: Convertini; Lobosco, Mercadante, Diomande, Russo, Di Cosola, Todisco, Bacchetti. All.: Tangorra

SIRACUSA (4-2-3-1): Tomei; Parisi (71’ Daffara), Magnani, Turati, Liotti; Spinelli, Toscano; Sandomenico (1’ st Mancino), Catania (85’ Giordano), Mazzocchi (1’st Martinez); Scardina (82’ Bernardo). A disposizione-non entrati:  D’Alessandro, De Vito, Di Grazia, Plescia, Vicaroni, Mucciante, Toscano. All.: Bianco.

Arbitro: Andrea Capone del CAN di Palermo; assistenti, Lorenzo Abagnara di Nocera Inferiore e Francesco D’Apice di Castellamare di Stabia. NOTE – Ammoniti: Ricci, Bardini. Espulsi: nessuno. Angoli: 0-3 per gli ospiti. Recupero: 1’/3’. Giornata fresca e soleggiata. Terreno di gioco in condizioni apprezzabili. Spettatori: 2188 – quota abbonati 944 – con un centinaio di supporter siracusani.

Commenti

Sport361, lo sport a 360 gradi + 1. E' un canale di Lifestyleblog.it

Privacy Policy

Privacy Policy

Facebook

To Top