Calcio

Casertana-Monopoli 0-3: la parola ai bombers

– Quelli messi a segno al ‘Pinto’ di Caserta, sono rispettivamente il sesto e il terzo centro in campionato. Stiamo parlando del capocannoniere del girone Beppe Genchi, e di Manuel Sarao. I due attaccanti biancoverdi rispondono alle domande nel dopo partita Casertana-Monopoli –

Apre la punta originaria di Bari – “Abbiamo patito il loro sviluppo di gioco largo sulle fasce, unicamente durante il primo tempo.  Però, la sofferenza del primo tempo ci ha poi permesso di acquisire la mentalità giusta nella ripresa; in cui siamo riusciti a ripartire nella maniera giusta, cosa che nel primo tempo non ci era riuscito di fare. Credo che il risultato sia abbastanza meritato. Tutte le occasioni avute da noi nel secondo tempo, credo siano stati superiori a quelle avute dalla Casertana. Per cui, siamo contenti del risultato perché l’abbiamo meritato.  La nostra è una squadra abituata al sacrificio collettivo, e al contempo capace di ripartire tutti con la stessa determinazione e mentalità. – sulla classifica , e per aver rosicchiato due punti al capolista Lecce – Non ci pensiamo per niente al risultato degli altri. Il nostro obiettivo rimane quello di una salvezza anticipata, e cercare successivamente di avere un altro obiettivo”.

Non dissimile l’analisi a caldo a fine match da parte di Manuel Sarao (nella foto Monopolicalcio/Latorre insieme al compagno di squadra Genchi). La punta meneghina apre mettendo l’accento sull’importante vittoria ottenuta contro una pur buona formazione avversaria. “La Casertana aveva ottenuto un ottimo 3-0 a Cosenza, ed oggi lo ha subito. Questo per dire che, alla lunga loro ne verranno fuori da questa classifica. – Tornando all’atteggiamento collettivo dei biancoverdi – La nostra è una squadra votata al sacrificio iniziale, che sa soffrire e che rimane compatta ripartendo nel momento giusto per finalizzare. Il Monopoli è una squadra equilibrata in tutti i reparti. Tutti, effettuiamo un lavoro quotidiano negli  allenamenti. E’ un lavoro d’insieme capace di farci sentire tutti importanti allo stesso livello. Sia se si gioca dall’inizio gara, sia se si parte dalla panchina, alla fine siamo chiamati a dare sempre il massimo contributi per il bene collettivo. – Sulla presenza di una punta come Genchi, se facilita il compito dei compagni di reparto o meno – Certo. Beppe è in un otto momento. Avere un giocatore importante come lui in squadra ti aiuta tanto, in modo particolare in trasferta. – Sui reali obiettivi del gabbiano – Il campionato del Monopoli è giorno per giorno, allenamento per allenamento. A noi il compito di dare tutto quello che possiamo. Alla fine tireremo le somme”.

Commenti

Sport361, lo sport a 360 gradi + 1. E' un canale di Lifestyleblog.it

Privacy Policy

Privacy Policy

Facebook

To Top